Equivalenza clinica: i farmaci equivalenti sono sovrapponibili agli originator per qualità, efficacia e sicurezza

Equivalenza clinica: i farmaci equivalenti sono sovrapponibili agli originator per qualità, efficacia e sicurezza

17/03/2021

L’utilizzo dei farmaci equivalenti può aiutare nel contenimento delle spese sanitarie.2 I sistemi sanitari raccomandano ai medici di preferire i prodotti equivalenti, dato il loro costo ridotto.3

Tra i Medici di Medicina Generale si registra una tendenza generale alla prescrizione di medicinali equivalenti.4 A supporto di questo atteggiamento prescrittivo, un’analisi retrospettiva italiana, condotta su 347.073 pazienti, ha confermato la sovrapponibilità, nella reale pratica clinica, tra i medicinali equivalenti e i medicinali originator, in termini di outcome clinici (assenza di differenze statisticamente significative in mortalità e ospedalizzazione).5

Anche in vari ambiti medici specialistici (come i trapianti d’organo, la neurologia e la cardiologia) i risultati di diversi studi clinici confermano l’efficacia dei medicinali equivalenti, rassicurando i medici nella prescrizione di questi farmaci.2,6,7 

Nei pazienti le abitudini personali, le consuetudini del passato e la fiducia nel farmacista hanno un'influenza positiva sull'intenzione di acquistare farmaci equivalenti.8

Per continuare a leggere, accedi TevaLab, il portale riservato a farmacisti e medici.
Se non sei ancora iscritto, effettua la registrazione, attendi la validazione e accedi a contenuti e servizi pensati per la tua professione.

Tag

Ultimi articoli